bottiglia-montefalco-grechetto-montacchiello
Montacchiello DOC

reviews

la parola agli esperti.

Chiara Giorleo

Critica enogastronomica freelance. Docente AIS e traduttrice nel settore enogastronomico. Certificata WSET.

Al palato è caldo e vellutato con note di pesca gialla e frutta secca e un equilibrio sostenuto da una leggera scia sapida finale

4.9/5

Matteo De Paoli

Wineblogger (RadioBottiglia.com), ex giornalista oggi consulente per aziende vitivinicole.

Non ci sono dubbi che il Montacchiello è un grande vino bianco. La pura essenza del Grechetto senza sovrastrutture o sofisticazioni. È semplicemente il nettare fermentato che esce dall’uva ben matura proveniente da una piccola parcella di vigneto ben esposta. Un baluardo contro tutti i suffissi diminutivi che hanno sempre relegato questo vitigno territoriale nelle serie minori del vino mondiale

5/5

Andrea Petrini

Wineblogger, organizzatore di eventi di vino, docente e sommelier Ais

Il colore quasi dorato potrebbe fare pensare ad un bianco passato in barrique ma basta mettere il naso nel bicchiere per capire che di legno questo grechetto non ne vede proprio. La tonalità intensa deriva da uve colte leggermente sovramature e questa scelta, ovviamente, la ritroviamo nel bicchiere dove il vino si presenta aromaticamente complesso grazie ad intense sensazioni di acacia, pesca nettarina, erbe aromatiche e spunti minerali. Al sorso aspettatevi un vino rock, strutturato ma di grande equilibrio e sorretto da vivace acidità citrina

5/5

Giuseppe Esposito

Sommelier e wineblogger

Bianco territoriale, inesorabile e quanto mai voluminoso manifesto della grandezza fatta vino e del “muto” potenziale dei bianchi del centro Italia. Puro Grechetto che alla vista si mostra d’un oro mistico e raffinato, medio nel suo sbrilluccichio, come se quasi volesse mettersi all’ultimo banco. Poi alza la mano, chiede di intervenire: naso incantevole, spirale sinuosa e fine che dalle note di frutta matura e mandorla, richiama l’aspetto salino e fumè, polposo e romantico, austero e rigoroso. Al palato è carezza, trasformazione dell’aspetto olfattivo in un pugno di fiori e sale, muschio e agrumi canditi. Vasco è alla radio, danno Standig ovation.

4.9/5

Scheda tecnica

Vitigno: Grechetto di Todi 100%
Età del vigneto: 8 anni (Primo anno di Produzione: 2016)
Zona di produzione: Esclusivamente dalla Tenuta di Saragano
Esposizione: Sud Est 420mt s.l.m.
Tipologia dei terreni: Argilloso Limoso
Sistema di allevamento: Cordone speronato, 4250 ceppi per ettaro
Resa per ettaro: 70ql
Vendemmia: Manuale in Casse da 25kg
Affinamento: 4 mesi Acciaio, 3 mesi in bottiglie
Colore: Dorato
Olfattivo: Intensi profumi di pesca gialla, suadente leggermente fruttato
Gustativo: Fresco ma con personalità e di gusto persistente
Produzione: 12.000 bottiglie